Muso Rosso ha dissotterrato l'ascia di guerra. Questo spazio web è dedicato allo spirito libero delle idee, senza obbedienze di credo, di partito,
di gerarchie qualsiasi. Ipocrisia, prepotenza, sfruttamento, ignoranza e conformismo sono i principali nemici di Muso Rosso. Contro di essi le armi possibili sono molte: verità, umanità, cultura, creatività, rispetto per la natura. Ma su tutte domina la Libertà, di parola e di pensiero.
Il contenuto di queste pagine è costituito da una serie di scritti in rima che traggono ispirazione da eventi dell'attualità politica e sociale e che sono mossi fondamentalmente
dall'esigenza di smascherare la violenza e la stupidità del potere.

sabato 7 aprile 2012

EL RIFORMERO



Continua il sostegno al governo Monti da parte del trio ABC, Alfano-Bersani-Casini. La cosiddetta riforma del mercato del lavoro sbandierata dalla ministra Fornero (che ha smesso subito di piangere, per far piangere gli altri) ha agitato un poco le acque in superficie. Quanto basta per far passare il solito gioco delle parti: io ti minaccio con la pistola, tu strilli un po', io ti faccio la concessione di non spararti ma ti dò un sacco di legnate, tu sei orgoglioso della "soluzione" di compromesso e siamo tutti felici e contenti. Intanto sono state poste le basi per aumentare nei luoghi di lavoro, se ce ne fosse bisogno, il potere di ricatto nei confronti dei dipendenti scomodi. Ecco la vera ricetta Monti-Fornero per la crescita dell'economia (leggi "sfruttamento"): più libertà di licenziare. Se così non fosse, perché mai volere a tutti i costi il provvedimento contro l'art.18 dello Statuto dei Lavoratori?
Il pezzo qui dedicato non ha grandi pretese: ricalca "El Merendero", una canzoncina pubblicitaria degli anni Sessanta. Per apprezzarlo meglio andrebbe immaginato cantato con quella allegra musichetta in stile latinoamericano.
Per chi non la conoscesse:  Merendero (carosello) oppure: Merendero (Los Pedritos)


El  Riformero

Mamma, mamma, lo sai chi c'è,
è arrivato il Riformero,
è arrivato con la Fornero,
le pistole ed il sombrèr.

Coro:
Mamma, mamma, lo sai chi c'è,
è arrivato il Riformero,
è arrivato con la Fornero,
era meglio l'uomo ner!


El Riformerooòooooooooo...

Coro:
E lì, e là, e là che l'aspettava,
e lì, e là, e là che l'aspettava,
e lì, e là, e là che l'aspettava,
e lì, e là, l'aspettava, l'Alfàn!


Alfàn son mi!


“Bedda matri lo sai che c'è,
fino a ieri ero un pupazzo
nelle mani di quel pazzo,
or mi aggrappo al Riformèr.”

Coro:
Bedda matri lo sai che c'è,
fino a ieri ero un pupazzo
nelle mani di quel pazzo,
or mi aggrappo al Riformèr.


El Riformerooòooooooooo...

Coro:
E lì, e là, e là che l'aspettava,

e lì, e là, e là che l'aspettava,
e lì, e là, e là che l'aspettava,
e lì, e là, l'aspettava, il Casìn!

Casìn son mi!


“Madre santa lo sai che c'è,
non contavo un accidente,
ma anche adesso non conto niente:
reggo il moccolo al Riformèr.”

Coro:
Madre santa lo sai che c'è,
non contavo un accidente,
ma anche adesso non conto niente:
reggo il moccolo al Riformèr.


El Riformerooòooooooooo...


Coro:
E lì, e là, e là che l'aspettava,

e lì, e là, e là che l'aspettava,
e lì, e là, e là che l'aspettava,
e lì, e là, l'aspettava, il Bersàn!

Bersàn son mi!


“Uè ragassi lo sai che z'è,
mica siam nel Scesantotto:
sull'articolo diziotto
come scempre farò il pompièr."

Coro:
Uè ragazzi lo sai che c'è,
mica siam nel Sessantotto:
sull'articolo diciotto
come sempre farò il pompièr.


El Riformerooòooooooooo...

Coro:
E lì, e là, e là che l'aspettavan,

e lì, e là, e là che l'aspettavan,
e lì, e là, e là che l'aspettavan,
e lì, e là, l'aspettavano in tre!

Mamma, mamma, lo sai chi c'è,
è arrivato il Riformero,
è arrivato con la Fornero,
le pistole ed il sombrèr.

Coro:
Mamma, mamma, lo sai chi c'è,
è arrivato il Riformero,
è arrivato con la Fornero,
era meglio l'uomo ner!


El Riformerooòooooooooo...


© Muso Rosso 2012


Post precedente: Mario Elegante (visualizza)
Mario è sicuramente "elegante". Un cambio di stile indiscutibile, rispetto al suo discusso predecessore.
Ma la sostanza è anch'essa tanto diversa? 



Nessun commento:

Posta un commento