Muso Rosso ha dissotterrato l'ascia di guerra. Questo spazio web è dedicato allo spirito libero delle idee, senza obbedienze di credo, di partito,
di gerarchie qualsiasi. Ipocrisia, prepotenza, sfruttamento, ignoranza e conformismo sono i principali nemici di Muso Rosso. Contro di essi le armi possibili sono molte: verità, umanità, cultura, creatività, rispetto per la natura. Ma su tutte domina la Libertà, di parola e di pensiero.
Il contenuto di queste pagine è costituito da una serie di scritti in rima che traggono ispirazione da eventi dell'attualità politica e sociale e che sono mossi fondamentalmente
dall'esigenza di smascherare la violenza e la stupidità del potere.

lunedì 27 settembre 2010

L'AQUILA REALE

Il capo del governo visita l'Aquila dopo il terremoto e illustra i primi provvedimenti in favore della popolazione colpita...


Come sempre Berluscone
fa un proclama alla Nazione:
"Non temete, gli Aquilani
sono tutti in buone mani!"
e raggiante come un astro
va sul luogo del disastro.

Si traveste da pompiere,
accarezza le vecchiette,
come fosser cose vere
tutto a tutti lui promette.
Una donna disperata
che oramai non ha più niente
"Ah! - lo invoca, disperata -
non ho più nemmeno un dente!".

La consola, se l'abbraccia:
"Su', non faccia quella faccia..."
Lui di denti ce ne ha tanti
e li mostra a tutti quanti.
"Ottimismo, non piangete,
c'è il bel tempo, non vedete?
Vi mandiamo tutti al mare
senza un soldo da pagare.

Cha cuccagna, che occasione!
in albergo od in pensione
vi potrete divertire,
affrettatevi a partire!".
Poi si accorge che nessuno
vuole andare sulla costa,
però insiste e sfoggia ancora
la sua bella faccia tosta:

"Nell'inverno che verrà
non starete al freddo e al gelo
come il santo Bambinello,
non vivrete sotto a un telo.
Ci saran case per tutti...
tutti, beh! si fa per dire...
il Governo non regala,
può soltanto contribuire.

Perciò, su' con il morale,
non temete più il futuro,
a chi se la può pagare
io la casa l'assicuro.
Se qualcuno ha delle colpe
è un problema secondario,
scriveremo alla Befana
(lo dirò al mio segretario)"

Che signore! che statista!
Chi saprebbe fare meglio?
Per pensare queste cose
lui non dorme ma sta sveglio,
mentre è il popolo italiano
che è in letargo, dorme e sogna,
così lui fa quel che vuole
e trionfa la menzogna!

_________________

© Muso Rosso 2009


Post precedente:
Se po' fa (visualizza)
Walter Veltroni, capo del Partito Democratico, adotta una strategia elettorale "isolazionista" per le elezioni politiche del 2008. Perderà.


Nessun commento:

Posta un commento