Muso Rosso ha dissotterrato l'ascia di guerra. Questo spazio web è dedicato allo spirito libero delle idee, senza obbedienze di credo, di partito,
di gerarchie qualsiasi. Ipocrisia, prepotenza, sfruttamento, ignoranza e conformismo sono i principali nemici di Muso Rosso. Contro di essi le armi possibili sono molte: verità, umanità, cultura, creatività, rispetto per la natura. Ma su tutte domina la Libertà, di parola e di pensiero.
Il contenuto di queste pagine è costituito da una serie di scritti in rima che traggono ispirazione da eventi dell'attualità politica e sociale e che sono mossi fondamentalmente
dall'esigenza di smascherare la violenza e la stupidità del potere.

venerdì 1 luglio 2011

LA BRUNETTA

Durante il Convegno Nazionale dell'Innovazione svoltosi a Roma, alcuni lavoratori appartenenti alla Rete precari della Pubblica Amministrazione hanno chiesto di rivolgere una domanda al ministro. "Siete la parte peggiore dell'Italia, con voi non parlo", la sua reazione. Brunetta se n'è poi andato strappando un cartello ed evitando ogni confronto. 

La brunetta dei "Ricchi e Ricchi"
non c'è cosa per cui non si picchi

si traveste da giustiziere,

da spione, da brigadiere...


vuole uccidere i fannulloni,
che non corrono, lumaconi!

e perseguita gli impiegati

per vedere se son malati.


Gli sguinzaglia dietro i dottori
per sapere se vanno fuori

a passeggio con la "morosa"

o per fare qualsiasi cosa.


Se riesce a beccarne uno
si diverte come nessuno:

terraterra razzola e ruzzola

e saltella come una puzzola.


Il suo sogno è di licenziare
chi in flagrante si fa pescare,

se ne frega se il disgraziato

poi rimane disoccupato.


Se un precario gli si avvicina
agitandosi s'impappina

poi squittisce con voce stridula

"Siete i peggio della Penisola!".


A dispetto della sua taglia
ha una grande coda di paglia,

è per questo che in tutta fretta

si dilegua zampetta-zampetta.


Blatera sempre di innovazioni
ma sa fare solo sermoni...

noi aspettiamo la novità

di vedere che se ne va !

Aggiornamento, 28 dicembre 2011 (il gruppo consiliare "Lista Brunetta" al Comune di Venezia decide di cambiare nome per protesta contro il costante assenteismo da parte del suo leader ai lavori del Consiglio Comunale):

Col ritiro della sua banda
specialista in propaganda,
ringraziando il padreterno
non sta più dentro al governo.

E, il destino!... sulla Laguna,
non fornendo presenza alcuna,
gli hanno dato del fannullone
e il suo gruppo ha cambiato nome.

© Muso Rosso, 2011

Post precedente: Re-ferendum (visualizza)Il 12 e 13 giugno 2011 si è votato in Italia per quattro referendum abrogativi. Due quesiti riguardavano l'abrogazione di norme per la privatizzazione della gestione dell'acqua. Il terzo riguardava il piano governativo per l'introduzione dell'energia nucleare. L'ultimo era rivolto a cancellare il cosiddetto "legittimo impedimento", cioè la possibilità per il capo del governo e per i suoi ministri di non comparire davanti ai giudici, rinviando a propria discrezione i processi penali in cui fossero imputati. Tutte e quattro le leggi sono state cancellate con una maggioranza schiacciante di Sì.

Nessun commento:

Posta un commento