Muso Rosso ha dissotterrato l'ascia di guerra. Questo spazio web è dedicato allo spirito libero delle idee, senza obbedienze di credo, di partito,
di gerarchie qualsiasi. Ipocrisia, prepotenza, sfruttamento, ignoranza e conformismo sono i principali nemici di Muso Rosso. Contro di essi le armi possibili sono molte: verità, umanità, cultura, creatività, rispetto per la natura. Ma su tutte domina la Libertà, di parola e di pensiero.
Il contenuto di queste pagine è costituito da una serie di scritti in rima che traggono ispirazione da eventi dell'attualità politica e sociale e che sono mossi fondamentalmente
dall'esigenza di smascherare la violenza e la stupidità del potere.

lunedì 7 novembre 2011

A Silvio

8 novembre 2011: il rendiconto dello Stato passa alla Camera dei deputati, ma con soli 308 voti. Il governo non può più contare su una maggioranza sicura in Parlamento. Berlusconi va a conferire con il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e si impegna a dimettersi dopo l'approvazione della cosidetta "legge di stabilità", della quale si sa ancora poco salvo il fatto che si tratterà dell'ennesima "stangata" per i lavoratori e i pensionati. Come sempre cerca di prendere tempo, comunque la frana è iniziata...


Silvio, rimembri ancora
quel tempo della tua vita beata
quando ti andava tutto a gonfie vele
e tu, con Fido e Lele
razzolavate in qualunque porcata?

Parean finiti i tempi delle ambasce,
quando tentavi invano di arrestare
i tuoi capelli radi e fuggitivi
e con modi furtivi
nel mondo ti dovevi arrampicare...

Ora era tutto ok
o, almèn, così sembrava;
e non dovevi neanche porre mente
al popolo demente
che con le tue TV si addormentava.

T'eri persino fatta una parrucca
per dar maggiore "smalto" al tuo successo,
compravi donne, giudici e sentenze,
deputati e scadenze,
e guarda come sei ridotto adesso!

La ruota torna indietro:
gli amici tuoi si muovon come serpi
e presto fuggiranno come topi
seguendo i loro scopi,
lasciandosi alle spalle solo sterpi.

Come se non bastasse,
al pettine è anche giunto qualche nodo
e - tapino! - il maltolto della CIR
t'han fatto restituir
pel mondador stramaledetto lodo!

Oh Natura, Oh Natura!
Perché di tanto inganni i tuoi marmocchi?
Perché non rendi poi quello che allor prometti?
Dice il proverbio: chi la fa l'aspetti!
... e tanti, infine, stanno aprendo gli occhi.

© Muso Rosso 2011

Post precedente:Misure (visualizza)
Dopo la famosa lettera del 5 agosto della Banca Centrale Europea, al vertice dei capi di governo del 23 ottobre 2011 il premier italiano viene apertamente deriso da Nicolas Sarkozy e Angela Merkel, che non riescono a trattenere le risatine ironiche quando in conferenza stampa viene fatta una domanda sulla sua affidabilità.
Il Presidente del Consiglio Europeo Van Rompuy dà tre giorni di tempo al primo ministro italiano per presentare misure concrete contro la crisi.

 

Nessun commento:

Posta un commento